• 01-home
  • 06-home
  • 07-home
  • 04-home
  • 03b-home
  • 03-home
  • 02-home
  • 05-home

La Nuova Dimensione della Comunicazione e del Marketing

target

 

 

 

 

 

 Informazione o comunicazione? 

L’affermazione globale e sempre crescente del computer e delle reti ha innescato un modo completamente diverso di comunicare. La comunicazione sta soppiantando progressivamente l’informazione
Per comprendere in pieno la portata di questa rivoluzione occorre rilevare che l’informazione è una modalità di trasferimento di dati nell’unica direzione che va da una fonte a un numero variabile di soggetti; la comunicazione, al contrario, è uno scambio incessante di dati che, pur partendo da una fonte, si dirama in diverse direzioni raggiungendo soggetti che rispondono e fanno circolare quei dati, in una rete che comprende la stessa fonte. Ma soprattutto, ciascun soggetto della rete è attivo e contribuisce in diversi modi all’aggiornamento dei dati. 

 La stampa e la rete 

Per dirla con un esempio, banale ma efficace, un quotidiano su carta fornisce informazioni ma non riceve indietro alcun commento da chi e come lo legge (a meno che, scherzosamente, non si vogliano considerare le “Lettere al direttore”).  Non a caso i grandi quotidiani, dal N.Y.Times a Repubblica a Le Monde eccetera, dopo aver avviato e consolidato la versione on-line del quotidiano, stanno puntando decisamente all’introduzione dell’IPad (un tablet). L’invito ai lettori, che compare sulla prima pagina del quotidiano cartaceo Repubblica, è “Ci vediamo stasera sull’IPad”. Dove i dati sono oggetto di condivisione e di discussione.
Il successo straripante ed esponenziale delle community sul web ci dice che questo contesto è la nuova dimensione, ineludibile, della comunicazione.

Nel marketing
Per il marketing la pubblicità, che tradizionalmente si configura come informazione commerciale, l’indispensabile ricerca di dati sulla composizione della clientela e sulla sua natura, sull’impatto che un prodotto ha su di essa, equivale a costose indagini di mercato che possono contenere anche percentuali non trascurabili di errori. Gli utenti vengono cercati e indagati. Con l’uso della rete, invece, gli utenti diventano interlocutori attivi che comunicano direttamente con la fonte. Questo mutamento ha rovesciato la teoria e la prassi della comunicazione commerciale (che è diventata appunto comunicazione, non più semplice informazione)

I nuovi strumenti e le loro applicazioni
Un tablet come l’IPad è una delle frontiere più avanzate del nuovo universo di rapporti che l’uomo ha costruito. Una semplice e maneggevole lavagnetta elettronica consente di sommare la rete (con l’aggiornamento costante e l’interattività delle informazioni) all’elaborazione diretta del reale. Non solo un tablet ci mette in rete, ma ci permette di simulare perfettamente la realtà, di guardarla esattamente così com’è anche riferita a situazioni in luoghi e tempi lontani da noi. Non solo, ci permette anche di vedere come la realtà può essere. Per esempio, se ci troviamo in un prato possiamo filmarlo con il nostro tablet e inserirvi un elefante che corre e barrisce, e poi vedere il risultato come un documentario o uno spot. Questa tecnologia è nata per simulare perfettamente l’uso di componenti in un meccanismo e naturalmente ha applicazioni importanti in ogni settore.

Il catalogo e l’IPad
Il catalogo di un’azienda elaborato su un IPad, per esempio, consente allo stesso tempo di:

  • entrare in contatto diretto con gli utenti
  • interloquire con loro
  • aggiornare in tempo reale i contenuti
  • proporre un’interazione touch e una prova del prodotto nel suo contesto e nella sua applicazione reale.

Anche un agente che mostra il nuovo catalogo, con un tablet lo offre alla manipolazione e alla meraviglia del cliente, può aggiornarlo lì in tempo reale, può mostrare l’inserimento del prodotto esattamente nel contesto in cui si trova in quel momento con il cliente o dove egli dovrà utilizzarlo. Insomma, se un agente deve mostrare le nuove scrivanie, può inserirne una nello studio del cliente in cui si trova in quel momento e fargli vedere come sta. Uno strumento che aggiunge alla razionalità di approccio commerciale un’ineguagliabile situazione emotiva.

E’ noto quanto sia fondamentale l’emozionalità nella formazione di una scelta. Il tablet è uno strumento dalle fantastiche applicazioni, che per altro sono ancora al loro principio. Non è un caso che le stime di vendite 2012 dei tablet vengano stimate in 100 milioni di pezzi.